CRONISTORIA orizzontale

loading
  • 07/06/2022

    Bagnoli, cabina di regia: vicina l’intesa su Città della Scienza

    Bagnoli, cabina di regia: vicina l’intesa su Città della Scienza

    Giugno 7, 2022
    Bagnoli, cabina di regia: vicina l’intesa su Città della Scienza
    Il 7 giugno 2022 Mara Carfagna – ministro per il Sud – presiede a Città della Scienza la prima ‘cabina di regia’ su Bagnoli con accanto il sindaco Gaetano Manfredi (collegato da remoto perché affetto da Covid-19) alla prima uscita nella veste di commissario per l’area ex Italsider con ampi poteri per accelerare le bonifiche e controllare l’attuazione del Piano di rigenerazione urbana. Due responsabilità che prima facevano capo ad un organo statale quale Invitalia e che ora vengono ricollocate a Napoli. Il primo dato concreto è la scelta della nuova location della Fondazione Idis-Città della Scienza proposta del presidente del Science Centre (distrutto dall’incendio il 4 marzo 2013), Riccardo Villari, che corrisponde all’attuale parcheggio adiacente lo stesso sito. Uno spazio (i fondi sono già a disposizione) che potrebbe essere impegnato subito perché non necessita di bonifiche e che ha raccolto il consenso di  tutti gli attori istituzionali – Stato, Governo, Comune e Regione. Intesa forte anche sul Piano di rigenerazione urbana, la bonifica degli arenili e quella dei contenziosi. Vale a dire azzerare tutte le cause in corso, che hanno rappresentato un ostacolo alla riqualificazione del sito anche rispetto agli investimenti imprenditoriali.
  • 04/03/2022

    4 Marzo 2022: 9 anni dal rogo che devastò il Museo di Città della Scienza

    4 Marzo 2022: 9 anni dal rogo che devastò il Museo di Città della Scienza

    Marzo 4, 2022

    Sono passati 9 anni dal rogo che a Napoli, nella zona di Bagnoli-Coroglio, portò alla distruzione del Science Centre di Città della Scienza. Oggi la ritrovata collaborazione istituzionale tra Governo, Regione e Comune è di buon auspicio per dare vita concretamente alla ricostruzione del Museo. I Ministri Mara Carfagna e Dario Franceschini e il Sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi hanno inviato una loro testimonianza che è stata pubblicata sulle pagine del sito di Città della Scienza.

    La ricostruzione è il principale obiettivo prefissato dall’attuale governance della Fondazione Idis, presieduta dal Prof. Riccardo Villari che ha dichiarato: “Un atto importante per il futuro della struttura e per tutta la comunità civile e scientifica che negli anni ha scelto di visitare un luogo assolutamente magico. Siamo alla vigilia di scelte fattive, ci auguriamo che questo sia l’ultimo anniversario nel quale si debba celebrare quello che è stato e non quello che sarà”.

    Sul tema L’On. Mara Carfagna, Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale è in prima linea nella cabina di regia istituita per il recupero e rilancio dell’ex area industriale di Bagnoli-Coroglio. “Grazie al lavoro svolto in questi 12 mesi e alle decisioni che ho condiviso con il Presidente Draghi, la bonifica e la valorizzazione del sito sono finalmente nelle mani di un commissario, con poteri forti e chiari, il Sindaco Manfredi, con una struttura a supporto e risorse a disposizione. Gli interventi a Bagnoli d’ora in avanti dovranno avvenire secondo un cronoprogramma ben definito. La nuova governance potrà consentire di trovare una soluzione in tempi rapidi anche per gli spazi espositivi di Città della Scienza”.

    L’on. Dario Franceschini, Ministro della cultura ha inoltrato il suo messaggio direttamente al Presidente Villari: “Caro Riccardo, è ancora vivo nella nostra memoria il ricordo delle fiamme che il 4 marzo, di 9 anni fa, avvolsero e distrussero, nel giro di una sola notte, il polo scientifico e tecnologico di Città della Scienza a Bagnoli, un’eccellenza del Mezzogiorno sulla divulgazione scientifica. Da quel drammatico evento importanti passi avanti sono stati fatti, anche grazie alla ritrovata e proficua collaborazione tra Governo, istituzioni locali e alla determinazione della Fondazione Idis-Città della Scienza, che con impegno, pazienza e passione ha tracciato un percorso che aspetta solo di essere realizzato. Diventa dunque la priorità di tutte le istituzioni coinvolte, concretizzare al più presto le azioni fin qui svolte per dare in tempi brevi a Bagnoli il suo museo perduto”.

    Infine il Prof. Gaetano Manfredi, Sindaco di Napoli e commissario di Governo per Bagnoli da qualche mese, secondo cui  Città della Scienza è l’hub di divulgazione scientifica più importante della città e non solo: “Come Comune di Napoli abbiamo grande interesse a collaborare con la Fondazione, partecipare in maniera attiva alla sua storia futura anche perché nell’ambito del grande piano di trasformazione di Bagnoli le parole “innovazione, tecnologia, educazione” sono fondamentali e Città della Scienza sarà una grande protagonista”.

  • 13/02/2022

    Primi segnali di rinascita 9 anni dal rogo che devastò il Science Centre di Città della Scienza

    Primi segnali di rinascita 9 anni dal rogo che devastò il Science Centre di Città della Scienza

    Febbraio 13, 2022

    Sulla base della ritrovata collaborazione istituzionale tra Governo, Regione e Comune, potrebbero venir fuori i primi risultati positivi in merito alla ricostruzione del Museo di Città della Scienza.

    E’ l’auspicio del Presidente Riccardo Villari. “C’è voglia di fare e di ricostruire. La prossima settimana si insedieranno i nuovi subcommissari per Bagnoli Dino Falconio e Filippo De Rossi. Registriamo con gioia le dichiarazioni del sindaco Manfredi che ha manifestato la volontà di rientrare in Città della Scienza. Oggi c’è un percorso e c’è quell’impegno che la Regione non ha mai fatto venire meno in questi anni. Ci sono tutte le premesse per passare da una fase di semina alla realizzazione di azioni concrete, prima di tutto il Museo”.

  • 12/01/2022

    Bagnoli, entro fine marzo il completamento della bonifica dell’ex Area Eternit

    Bagnoli, entro fine marzo il completamento della bonifica dell’ex Area Eternit

    Gennaio 12, 2022

    La Commissione comunale Urbanistica ha incontrato il responsabile della struttura commissariale di Bagnoli, Francesco Floro Flores, per un bilancio dei suoi tre anni di gestione alla vigilia del passaggio di consegne previsto, che individua nel Sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, il responsabile per la bonifica dell’ex sito industriale.

    Per Floro Flores sono questi i passaggi chiave che hanno consentito il decollo del progetto di risanamento dell’area: l’approvazione della Valutazione Ambientale Strategica (Vas) e del Piano di Risanamento Ambientale e di Rigenerazione Urbana (Praru), il dissequestro dell’area e la disponibilità di una prima dotazione finanziaria di 445 milioni di euro, per un progetto del valore complessivo di 1,8 miliardi di euro.

  • 28/10/2021

    Finisce l’era del Commissariamento Governativo per Bagnoli

    Finisce l’era del Commissariamento Governativo per Bagnoli

    Ottobre 28, 2021

    Il nuovo commissario straordinario sarà il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi. Lo ha deciso il Consiglio dei Ministri approvando un decreto legge contenente “disposizioni urgenti per l’attuazione del Pnrr” con una parte presentata dalla ministra per il Sud e la Coesione Territoriale, Mara Carfagna. Si apre, dunque, un nuovo capitolo per la riqualificazione dell’area ex Italsider, epopea giunta al 29esimo anno dopo la dismissione degli impianti del 1992.

    Manfredi (e lo staff che andrà a costituire) succede al precedente commissario alla bonifica di Bagnoli, Francesco Floro Flores e avrà pieni poteri per la riqualificazione del sito.

  • 04/03/2021

    Tavola Rotonda: Città della Scienza: RI-COSTRUIRE per il FUTURO.

    Tavola Rotonda: Città della Scienza: RI-COSTRUIRE per il FUTURO.

    Marzo 4, 2021
    Tavola Rotonda: Città della Scienza: RI-COSTRUIRE per il FUTURO.
  • 04/03/2019

    Proiezione del film “Voce ‘e Sirena” del regista Sandro Dionisio presso la Multisala Sofia di Pozzuoli.

    Proiezione del film “Voce ‘e Sirena” del regista Sandro Dionisio presso la Multisala Sofia di Pozzuoli.

    Marzo 4, 2019
    Proiezione del film “Voce ‘e Sirena” del regista Sandro Dionisio presso la Multisala Sofia di Pozzuoli.

    A sei anni dal rogo di Città della Scienza, al Cinema Sofia di Pozzuoli la C.eT.R.a Produzioni in collaborazione con Premio Civitas e Fondazione Idis-Città della Scienza presenta una serata per celebrare la resilienza dell’Istituzione di Città Della Scienza e quella di tutta la città virtuosa, che senza disperare è stata in grado di affrontare, resistere e riorganizzarsi così come l’araba fenice è rinata dalle proprie ceneri. Il film di Sandro Dionisio «Voce ‘e Sirena» è un esperimento di cinema cross over che coniuga teatro, documentario e cinema d’inchiesta e di finzione. Si eleva proprio dai Campi Flegrei il canto di Parthenope, come eco vicino e potente di resilienza della millenaria sirena da Coroglio verso tutta la città, attraverso le voci nobili coalizzate a difesa di uno spazio di cultura tra i più prestigiosi d‘Europa.

    Uno spazio che oggi, tra programmi e promesse giace ancora lì tra la cenere e spera di rivivere a più presto, come luogo di scienza e di cultura per tutti i cittadini.

  • 03/10/2018

    Francesco Floro Flores nominato commissario straordinario di Governo per Bagnoli.

    Francesco Floro Flores nominato commissario straordinario di Governo per Bagnoli.

    Ottobre 3, 2018
    Francesco Floro Flores nominato commissario straordinario di Governo per Bagnoli.

    Il nuovo Commissario straordinario del Governo per la bonifica ambientale e rigenerazione urbana dell’area di rilevante interesse nazionale Bagnoli-Coroglio è l’imprenditore Francesco Floro Flores. La speranza è il raggiungimento dell’unico obiettivo: procedere in maniera veloce e puntuale con la bonifica così da restituire finalmente l’area ai cittadini bagnolesi e a tutta la città di Napoli.

  • 30/08/2018

    Si dimette il commissario straordinario Salvatore Nastasi.

    Si dimette il commissario straordinario Salvatore Nastasi.

    Agosto 30, 2018
    Si dimette il commissario straordinario Salvatore Nastasi.

    Il cronoprogramma per la bonifica racconta che alla fine del 2017 sono stati rimossi e smaltiti 1.200 quintali di materiali con amianto. In attesa di altri permessi e fondi e con la nascita di punti di vista diversi rispetto nuovo governo che si è insediato il commissario Nastasi si dimette a pochi giorni dalla fine del suo mandato.

  • 20/07/2017

    Il Comune di Napoli cancella la ricostruzione del Science Center bruciato.

    Il Comune di Napoli cancella la ricostruzione del Science Center bruciato.

    Luglio 20, 2017
    Il Comune di Napoli cancella la ricostruzione  del Science Center bruciato.

    Contravvenendo al piano regolatore vigente e all’APQ sottoscritto nel 2014 dalle istituzioni viene siglato un nuovo accordo Comune – Regione – Governo sul piano di rigenerazione di Bagnoli con proposta del Comune che prevede di acquisire al lungomare tutte le aree di sedime dei volumi incendiati lasciando lungo il percorso fronte mare solo i ruderi dell’antica vetreria. Il piano per il risanamento finisce per cancellare la ricostruzione del Science Center bruciato che era prevista per il 4 marzo 2020 spostandolo di fatto in un’area diversa da quella stabilita in precedenza. E da Città della Scienza arriva un secco no a questa soluzione.

  • 04/03/2017

    Inaugurazione Corporea, il Museo Interattivo del Corpo Umano.

    Inaugurazione Corporea, il Museo Interattivo del Corpo Umano.

    Marzo 4, 2017
    Inaugurazione Corporea, il Museo Interattivo del Corpo Umano.

    Per l’inaugurazione di Corporea viene organizzata una grande festa all’insegna della partecipazione e del coinvolgimento delle istituzioni e dei cittadini. Vengono presentati al pubblico il primo museo interattivo d’Italia sul corpo umano e il Planetario 3D, il più avanzato d’Europa. Migliaia di persone prendono parte alla cerimonia. Preso d’assalto, dopo il taglio del nastro, il Museo, 5mila metri quadrati, posti su tre livelli, 14 isole tematiche, installazioni interattive. L’inaugurazione di Corporea avviene significativamente nel quarto anniversario dell’incendio del vecchio Museo, di buon auspicio per la rinascita di Città della Scienza, in attesa della ricostruzione del nuovo Science Centre e del rilancio dell’intera area di Bagnoli.

  • 24/05/2016

    Renzi firma il protocollo per Bagnoli: “Finito il tempo delle chiacchiere, sarà ripulita”.

    Renzi firma il protocollo per Bagnoli: “Finito il tempo delle chiacchiere, sarà ripulita”.

    Maggio 24, 2016
    Renzi firma il protocollo per Bagnoli: “Finito il tempo delle chiacchiere, sarà ripulita”.

    Viene firmato del protocollo di vigilanza sulle procedure per la bonifica delle aree di Bagnoli, con il commissario di Bagnoli Salvo Nastasi, il presidente dell’Anac Raffaele Cantone e l’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri. Le intenzioni sono di ripulire e risanare tutta l’area di Bagnoli con procedure all’avanguardia per la lotta alla corruzione.

  • 04/03/2016

    Inaugurazione Edificio Corporea.

    Inaugurazione Edificio Corporea.

    Marzo 4, 2016
    Inaugurazione Edificio Corporea.

    Nella data simbolo del terzo anniversario dell’incendio viene presentata la struttura che di lì a qualche mese ospiterà “Corporea”: il primo museo interattivo in Europa interamente dedicato al tema della salute, delle scienze e tecnologie biomedicali e della prevenzione. L’edificio era già in costruzione quando il rogo rase al suolo – il 4 marzo 2013 – il Science Centre. Così quello che doveva essere l’ultimo tassello del “parco dell’innovazione” napoletano diventa il primo elemento del rilancio delle attività espositive e della ricostruzione.

  • 03/09/2015

    Bagnoli arriva il commissario straordinario Salvatore Nastasi.

    Bagnoli arriva il commissario straordinario Salvatore Nastasi.

    Settembre 3, 2015
    Bagnoli arriva il commissario straordinario Salvatore Nastasi.

    Salvatore Nastasi viene nominato commissario straordinario di Governo per la bonifica e la riqualificazione dell’ex area industriale di Bagnoli, in rovina da 25 anni. Già Vice segretario generale di Palazzo Chigi, ex commissario straordinario per il Teatro San Carlo, Nastasi la cui figura viene prevista dallo «Sblocca Italia», è affiancato da Invitalia come soggetto attuatore. Decisione che determina alcune polemiche tra le Istituzioni (centrale e locale).  Al tavolo si discute della ricostruzione del Museo di Città della Scienza: si lavora per bandire la gara europea volta ad affidare i lavori di realizzazione dell’edificio così da poter inaugurare il nuovo museo il 4 marzo 2018. L’invito è procedere con un piano attento allo sviluppo e all’ambiente.

  • 06/07/2015

    Presentazione progetto vincitore del bando di Concorso per la ricostruzione del nuovo Science Centre – alla presenza del Ministro Graziano Delrio.

    Presentazione progetto vincitore del bando di Concorso per la ricostruzione del nuovo Science Centre – alla presenza del Ministro Graziano Delrio.

    Luglio 6, 2015
    Presentazione progetto vincitore del bando di Concorso  per la ricostruzione del nuovo Science Centre – alla presenza del Ministro Graziano Delrio.

    Paesaggio, bellezza e poesia: sono le tre parole chiave che caratterizzeranno il nuovo Science Centre secondo il progetto vincitore per la ricostruzione realizzato da due giovanissimi architetti il napoletano Valerio Ciotola e il veneziano Andrea Guazzieri. La presentazione ufficiale avviene alla presenza del Governatore della Campania Vincenzo De Luca e del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio. Ai due architetti va il premio di 65.000 euro previsto dal bando di concorso e l’incarico di redigere il progetto definitivo. La rinascita di Bagnoli è il punto di svolta strategico: la presenza in questo territorio di cultura, scienza, innovazione, storia, ambiente, turismo, un luogo di mille simboli e speranze che può favorire l’intreccio di strategie produttive essenziali per il rilancio economico della Campania e di tutto il Sud.

  • 04/03/2015

    Grande Festa della Ricostruzione.

    Grande Festa della Ricostruzione.

    Marzo 4, 2015
    Grande Festa della Ricostruzione.

    Città della Scienza apre le sue porte per una grande festa a due anni da quella triste notte. Una iniziativa particolare per ricordare l’incendio che ha distrutto il Science Centre ma soprattutto per guardare avanti con entusiasmo verso il futuro. Una giornata piena di eventi per ricordare ciò che è successo e per affermare l’importanza della divulgazione della cultura e della scienza.
    Intanto da qualche giorno si è conclusa la prima fase del concorso di progettazione per il nuovo Science Centre con la partecipazione di 98 idee-progetto. Le istituzioni hanno accesso un dibattito sulla localizzazione tra chi vuole l’arretramento dei padiglioni rispetto alla linea di costa (nella zona limitrofa a quella dove si svolgono le attività) in modo da liberare l’accesso all’arenile, e chi ha chiesto che la struttura venisse ricostruita sulla stessa area.
    A Città della Scienza inoltre, nel Padiglione Marie Curie, a due anni dall’incendio che ha devastato il primo museo scientifico interattivo d’Italia riducendolo a un cumulo di macerie, alla presenza del Ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, è stata inaugurata “MESSA A FUOCO” la mostra che Antonio Biasiucci, Fabio Donato, Mimmo Jodice e Raffaela Mariniello dedicano a Città della Scienza.

  • 12/11/2014

    Bando di Concorso per la ricostruzione del nuovo Science Centre.

    Bando di Concorso per la ricostruzione del nuovo Science Centre.

    Novembre 12, 2014
    Bando di Concorso  per la ricostruzione del nuovo Science Centre.

    La Fondazione IDIS – Città della Scienza indice con il supporto e il sostegno della Fondazione Architetti e Ingegneri liberi professionisti iscritti INARCASSA, una procedura aperta per un concorso di progettazione con preselezione per la ricostruzione dello Science Centre di Città della Scienza a Bagnoli. Al concorso potranno partecipare sia gli architetti e gli ingegneri italiani sia coloro che hanno residenza in uno stato membro dell’Unione Europea e sono abilitati all’esercizio della professione secondo le regole in vigore nei relativi Paesi di appartenenza. Il Concorso si svolgerà in due fasi: una prima ove i concorrenti, attraverso elaborazioni schematiche, evidenzieranno l’idea; una seconda, da effettuarsi tra i progetti meritori selezionati nella prima fase, ove ai concorrenti verrà richiesta la stesura di un progetto preliminare. Tra questi verrà selezionato il progetto vincitore.

  • 14/08/2014

    Firmato l’Accordo di Programma Quadro per la ricostruzione del Science Centre di Città della Scienza.

    Firmato l’Accordo di Programma Quadro per la ricostruzione del Science Centre di Città della Scienza.

    Agosto 14, 2014
    Firmato l’Accordo di Programma Quadro per la ricostruzione del Science Centre di Città della Scienza.

    Con la visita del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi del 14 agosto la ricostruzione del Science Center di Città della Scienza ha ufficialmente inizio. Viene firmato l’Accordo di Programma Quadro che dà il via alla ricostruzione del primo museo scientifico interattivo in Italia, incendiato con il rogo doloso di Bagnoli, per cui è stato firmato anche il Protocollo d’Intesa per la “Bonifica del Sito di Interesse Nazionale di Bagnoli-Coroglio”.

    Renzi, al termine della cerimonia, in un fitto intervento parla del Sud come un insieme di straordinarie risorse da valorizzare per l’intero Paese: “L’investimento pubblico di 34 milioni per la ricostruzione del ‘Science Centre’, oltre ai 27 milioni che metterà la Fondazione Idis, ha come obiettivo quello di dimostrare che, come Governo e come Stato, crediamo in Napoli e in Città della Scienza quali occasioni di crescita economica”.

  • 04/03/2014

    Napoli per Città della Scienza un anno dopo.

    Napoli per Città della Scienza un anno dopo.

    Marzo 4, 2014
    Napoli per Città della Scienza un anno dopo.

    Ad un anno dall’incendio, la rinascita di Città della Scienza non è simbolica ma reale. A testimoniarlo artisti, scuole, associazioni e cittadini che si sono dati appuntamento a Città della Scienza un anno dopo, proprio su quelle macerie, per una giornata di festa in cui Città della Scienza apre le porte alla città.

    Dalle 10 alle 20 laboratori, musica, didattica e teatro per festeggiare insieme non solo “l’esserci ancora” – dopo un anno di attività portate avanti grazie al sostegno dei tanti che ci hanno creduto – ma anche il lavoro avviato con le Istituzioni per la ricostruzione del Museo.

  • 31/12/2013

    Campagna di crowdfunding per la ricostruzione del Science Centre

    Campagna di crowdfunding per la ricostruzione del Science Centre

    Dicembre 31, 2013
    Campagna di crowdfunding per la ricostruzione del Science Centre

    Molto significativa è l’ondata di solidarietà espressa dall’intera nazione, oltre che dalla comunità scientifica internazionale, che ha permesso alla Città della Scienza, grazie a piccole e grandi donazioni, di poter continuare a lavorare e di tenere aperta la struttura dando così, a tutta la collettività e alla comunità di amici, sostenitori, partner e dipendenti di Città della Scienza, un forte segnale di fiducia e di speranza.

    Una mobilitazione concreta grazie all’attivazione di un numero solidale e il prezioso supporto di privati cittadini scuole, università, enti, associazioni e aziende.

  • 10/04/2013

    “Insieme…ricominciamo!”: inaugurazione dei nuovi spazi espositivi.

    “Insieme…ricominciamo!”: inaugurazione dei nuovi spazi espositivi.

    Aprile 10, 2013
    “Insieme…ricominciamo!”: inaugurazione dei nuovi spazi espositivi.

    A cinque settimane dal rogo il polo scientifico napoletano distrutto dall’incendio lancia un segnale importante: riapre infatti un’area di 2000 metri quadrati dedicata ai più piccoli.

    Un avvenimento dalla portata esemplare: uno spazio limitato se confrontato al Museo andato in fumo, ma sufficiente per ricominciare. All’evento inaugurale intervengono il Presidente del Senato Pietro Grasso e il Ministro dell’Istruzione Francesco Profumo.

    Le scolaresche riprendono a frequentare Città della Scienza con i laboratori didattici, le varie attività e gli exhibit, ma il messaggio che parte forte e chiaro da parte delle Istituzioni e dall’opinione pubblica è che la ricostruzione del Science Centre venga fatta in due anni lì dove è stato distrutto.

  • 10/03/2013

    Flash mob Città della Scienza: presenti oltre 10mila persone.

    Flash mob Città della Scienza: presenti oltre 10mila persone.

    Marzo 10, 2013
    Flash mob Città della Scienza: presenti oltre 10mila persone.

    Una marcia simbolica nata attraverso il passaparola sui social. Ci si ritrova per un Flash Mob in 10mila persone nei pressi di Città della Scienza tra studenti di ogni età, cittadini, esponenti politici e artisti. Le fiamme del rogo hanno incendiato la coscienza civile di una popolazione che – tra sdegno e tristezza – è unita nel gridare ‘BASTA’ mentre volano verso il cielo migliaia di palloncini bianchi che rappresentano la speranza per la rinascita della struttura.

  • 04/03/2013

    Città della Scienza: il 4 marzo 2013 un incendio distrugge il primo museo scientifico interattivo italiano.

    Città della Scienza: il 4 marzo 2013 un incendio distrugge il primo museo scientifico interattivo italiano.

    Marzo 4, 2013
    Città della Scienza: il 4 marzo 2013 un incendio distrugge il primo museo scientifico interattivo italiano.

    Il 4 marzo 2013 alle ore 21:30 un terribile incendio di natura dolosa distrugge gran parte delle aree espositive del Science Centre. Con i suoi 350 mila visitatori all’anno è tra i luoghi-simbolo dei progetti di bonifica e rinascita di Bagnoli, ex area Federconsorzi, considerato, nel suo genere, un piccolo e raro gioiello della città e uno tra le più valide attrattive turistiche.

    Il museo interattivo e il planetario (circa un’area di 10 mila metri quadrati) in pochi minuti non ci sono più divorati dalle fiamme. Il fronte del fuoco è lungo più di un centinaio di metri, e dal rogo si alza una colonna di fumo visibile da buona parte della città.

    Viene così raso al suolo un polo, nato dall’intuizione del fisico Vittorio Silvestrini, inaugurato nel 2001, che in una dozzina d’anni aveva guadagnato consensi e credibilità, importante strumento di educazione e diffusione della cultura scientifica attraverso mostre, incontri con scienziati, campagne e attività di promozione scientifica e tecnologica, progetti di collegamento tra scienza e società a livello nazionale, europeo e internazionale.